I TIC nello sport (VIDEO-FOTO)

“Azioni ripetitive, formali e sequenziali distinte dalle performance tecniche e che gli atleti credono conferiscano il potere di controllare la fortuna o altri fattori esterni.”

 

jonny_wilkinson

 

Tantissimi atleti in diversi sport hanno i propri personalissimi TIC o se preferite chiamarli “rituali”, senza ombra di dubbio il tennis porta con se tantissimi esempi ma anche gli altri sport non scherzano. Di seguito sono elencati alcuni dei più famosi rituali nel mondo sportivo.

 

1. Valentino Rossi

Da sempre numero 46, prima di salire sulla sua moto si accovaccia alla sua destra e inizia a parlarci, poi ha l’abitudine di sistemarsi la tuta solo una volta partito dal suo garage. Altra attenzione particolare per il casco: non deve mai toccare il terreno, altrimenti potrebbe trascinare a terra anche la moto in gara.

 

2. Novak Djokovic

Prima di servire, palleggia con la pallina per un numero infinito di volte, un modo per cercare la concentrazione e decidere dove servire. In particolar modo nei momenti importanti della partita i palleggi aumentano esponenzialmente. All’Australian Open 2008, quando esagerava con i palleggi, era quasi sempre ace. Per un periodo il numero di rimbalzi era sempre dispari, poi è sembrato non farci più caso.

 

3. Marcos Baghdatis

Prima di servire, anziché far rimbalzare la palla davanti a sé, la fa rimbalzare tra le gambe, un’operazione decisamente complicata e che ti espone ad una figuraccia, qualora la pallina colpisse una delle due gambe. Questo tic oltre al cipriota ce l’ha anche  John Isner.

 

4. Rafael Nadal

Non gioca se nel cambio di campo prima di alzarsi non sistema correttamente le bottigliette d’acqua che vengono allineate perfettamente a bordo campo e con le etichette rivolte verso i giocatori. Prima di battere si aggiusta i calzini che devono fuoriuscire dalle scarpe con lo stemma dello sponsor parallelo al terreno. Nel tragitto tra la panchina e il punto di battuta non tocca mai le linee del campo e deve sempre mettere davanti il piede destro. I suoi tic più famosi però rimangono quelli che ha un attimo prima di battere tra cui il rito di togliersi le mutande dal sedere, per la gioia di molte donne.

 

5. Alan Rough

Prima di entrare in campo doveva necessariamente, ripetere questa sequenza: portarsi il suo anello portachiavi a forma di cardo, una vecchia pallina da tennis e una scarpetta da calcio in miniatura, da infilare in tasca; non dimenticare una piccola maglia con la forma di una stella, appendere i suoi vestiti al gancio numero 13 dello spogliatoio; indossare una maglia col numero 11 sotto a quella ufficiale col numero 1; far fare tre rimbalzi al pallone nel tunnel che collega gli spogliatoi al campo, e poi calciarlo a porta vuota una volta.Infine, a gioco iniziato, era bene soffiarsi il naso più volte possibile.

rough_tic_portiere

6. Jonny Wilkinson

Uno dei più forti giocatori di rugby di tutti i tempi, prima di ogni calcio, dopo aver posizionato la palla prende la rincorsa, si piega leggermente sulle ginocchia e unisce le mani come se stesse pregando.

 

7. Patrick Roy

Uno dei migliori portieri di tutti i tempi nell’hockey, si rifiutava di calpestare le linee rosse e blu del campo,preferiva inoltre ingannare il tempo durante il match parlando ai pali della porta. Celebre la sua intervista in cui dichiarò “I pali sono miei amici”.
Nel video una delle poche volte che Patrick trasgredisce alle “sue regole”, da notare le risate dei commentatori.

 

9. Landon Donovan

Prima di ogni calcio piazzato, la stella dei Los Angeles Galaxy si inginocchia, tocca la terra, bacia i suoi polsi in onore di ognuno dei suoi familiari. Solo dopo trasforma il calcio piazzato o il rigore.

 

10. Laurent Blanc

Famosissimo è il suo bacio sulla “pelata” del portiere Fabien Barthez prima e durante ogni partita della nazionale transalpina.

blanc barthez

11. Paul Ince

Il Governatore ex giocatore del Manchester United ed Inter, si metteva la maglia solo una volta sceso sul prato verde. Raramente si è visto Ince vestire la casacca della sua squadra nel tunnel.

ince_senza_maglia_

12. Karl Malone

Karl Malone considerato uno dei migliori cestisti di ogni epoca, forse il migliore nel ruolo di ala grande,  ogni volta che doveva battere un tiro libero sembrava pronunciare un rosario.

 

Giovanni Davide Pontrelli - Icampionidellosport

Comments

comments